Tornare in forma dopo il Natale!?

Le feste natalizie hanno lasciato “pesanti strascichi”? State pensando di intraprendere un regime alimentare disintossicante per ritrovare la forma perduta? In effetti è questo il momento per fare i conti con la bilancia: un lieve sovrappeso misurato nelle prime ore dopo le abbuffate è legato principalmente alla pienezza del tubo digerente e alla ritenzione idrica causata dall’elevata concentrazione di nutrienti nel sangue. Tale effetto può mantenersi per qualche giorno in caso di numerosi pasti ipercalorici ravvicinati.

Se, tornati alle abitudini alimentari e agli stili di vita consueti, ad oggi il sovrappeso permane, allora è tempo di correre ai ripari! Proviamo a lasciarvi alcuni consigli utili perché possiate ricordare solo il bello del periodo di vacanza appena trascorso!

– Non è necessario, almeno inizialmente, seguire un regime ipocalorico: si perde inizialmente peso (spesso più muscolo che grasso), ma lo si recupera non appena cessa il controllo alimentare o, peggio ancora, nonostante la prosecuzione dello stesso a causa dell’abbassamento del metabolismo provocato dalla penuria di calorie. Un professionista, medico o biologo nutrizionista, può indicare il valore ottimale di calorie da introdurre quotidianamente dopo la misurazione del metabolismo basale dell’individuo.

– Distribuire i pasti in modo tale che la prima colazione sia il pasto più ricco, mentre sarebbe bene ridurre progressivamente la quantità a pranzo e cena.

– Scegliere il giusto rapporto tra i diversi nutrienti: il miglior effetto di stimolo del metabolismo si ottiene distribuendo le proteine della giornata (carne, pesce, uova, latticini, semi oleosi, legumi) in modo corretto ed equilibrato in tutti e tre i pasti.

– Associare sempre carboidrati e proteine nello stesso pasto, riducendo e ancor meglio eliminando gli zuccheri semplici e i dolcificanti e mantenendo sempre un buon apporto di verdura fresca biologica ad ogni pasto. Utilizzare il più possibile cereali integrali e ricchi di fibra perché saziano prima e prevengono eccessivi sbalzi glicemici.

– Eventuali spuntini tassativamente di sola frutta e/o verdura

– Variare molto gli alimenti e ridurre il più possibile l’apporto di cibi conservati e ricchi di additivi alimentari

– È impensabile poter ottenere un sano dimagrimento senza un’adeguata attività fisica: occorre praticare un’attività aerobica continuativa (passeggiata di buon passo, corsa, bicicletta…) almeno mezz’ora tutti i giorni oppure un’ora tre volte alla settimana

– Valutare l’eventuale situazione di infiammazione da cibo: frequentemente l’organismo produce sostanze infiammatorie a seguito dell’assunzione troppo abbondante e ripetitiva di alcuni alimenti (per alcuni il glutine, per altri i latticini, per altri ancora i lieviti, ecc.). Si tratta di un segnale di pericolo per l’organismo, che influisce direttamente sul metabolismo degli zuccheri e sull’accumulo di grasso, oltre che sul sistema immunitario. Individuare un’eventuale infiammazione da cibo attraverso un test specifico può dare un aiuto molto importante per ridurre il peso corporeo e migliorare lo stato di salute generale

– Il regime alimentare normocalorico può essere affiancato dall’utilizzo di alcuni integratori alimentari, che dovrebbero avere tra i loro principali obiettivi il controllo della glicemia (Gymnema, Cannella), lo stimolo metabolico (Tè verde, Fucus), la facilitazione dell’eliminazione dei ristagni (Betulla, Pilosella), lo stimolo della funzionalità intestinale (Fico d’India, Psillio), la riduzione dell’infiammazione generale (Boswellia, Vite rossa)

Il medico e il farmacista sono al vostro fianco per guidarvi alle scelte più utili ed efficaci.

    Questo sito utilizza cookie che consentono di agevolarne la gestione e personalizzare la tua visita. Usando il sito accetti che siano utilizzati cookie. Leggi di più

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi